A cura del corso di Nuove Tecnologie dell’Arte dell’Accademia di Belle Arti di Napoli

#CON è un contenitore che influisce sulle relazioni e sui contatti reali, proponendosi come sintesi tra realtà fisica e realtà digitale, tra atomo e bit. Lo sviluppo di #CON avviene attraverso i DEA (Dispositivi Estetici Aggreganti) e attraverso la comunicazione convenzionale e unconventional (ad esempio con azioni di guerrilla marketing) e sui social network. Tradotto in segno, #CON amplifica, dunque, le connessioni e determina inaspettate relazioni all’interno della piazza.

Al centro del villaggio di Futuro Remoto è installata l’opera “Cuore #CONfiato”, cuore pixellato gonfiabile, alto 4,  generato da azioni determinate dal pubblico che partecipa  alla manifestazione. Infatti, attraverso l’utilizzo condiviso di alcuni dispositivi, i visitatori azionano una pompa che immette  aria all’interno del gonfiabile, contribuendo a dar vita al grande cuore della città.

All’ingresso di ogni Padiglione sono posizionate installazioni interattive, “Fotone” e “Tocca e…” , con cui due o più persone, messe in relazione, potranno determinare, e poi condividere, un’esperienza estetica. “Fotone” è un’opera luminosa che richiede che due persone interagiscano con essa, per completarne il senso visivo e concettuale e diventando parte dell’opera; “Tocca e…” , invece, è un dispositivo relazionale che attiva un meccanismo attraverso il contatto tra più persone: azionando alcune piastre metalliche si può scattare una fotografia o accendere una luce.

Per favorire la diffusione del segno, alcune forme tridimensionali #CON veicolano  la comunicazione dell’evento, mentre foto e video, realizzati nella piazza, saranno poi  condivisi sui social network.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Go top