A Città della Scienza la seconda edizione di “Intrecci” (29 settembre – 1° ottobre 2017), un viaggio alla scoperta dei sapori e delle culture di altri mondi

INTRECCI OK

Si svolgerà a Città della Scienza, dal 29 settembre al 1° ottobre 2017, la seconda edizione di “Intrecci”, il festival della cucina mediterranea e non solo. Un viaggio alla scoperta dei sapori, delle tradizioni e delle culture di altri mondi.

L’evento è promosso da LESS Onlus e dallo Gnam Village di Città della Scienza.

Cibo e tradizioni a tavola sono l’espressione culturale più immediata dei popoli. Un linguaggio quotidiano fatto di gesti semplici e di sapienze tramandate nel tempo, elementi vincenti nei percorsi di integrazione. Conoscere le tradizioni culinarie le abitudini collettive di un popolo è il fulcro per la costruzione di solido e dialogo interculturale. Intrecci, infatti,  si pone l’obiettivo di promuovere un’occasione di scambio e confronto tra nativi e migranti; incentivare il protagonismo sociale delle comunità migranti più rappresentative; promuovere la diversità come aspetto trainante di una società che cambia.

L’iniziativa prevede l’allestimenti di stand gastronomici gestiti dalle comunità migranti; workshop di approfondimento; laboratori per la conoscenza delle tematiche legate all’alimentazione, agli stili di vita sostenibili, alle caratteristiche degli ingredienti utilizzati, tenuti da esperti nutrizionisti, sociologi e alimentaristi. Non mancheranno showcooking dedicati alla realizzazione dal vivo di piatti tipici tradizionali. Non solo cibo, ma anche dibattiti, cinema, musica e teatro. Protagoniste in cucina saranno le comunità migranti sul territorio di Napoli e provincia. Dalla comunità burkinabè alla folta comunità ucraina, i visitatori potranno assaggiare piatti preparati secondo ricette originali della Somalia, Cuba e Marocco. Inoltre Intrecci avvierà una collaborazione con Terra di Tutti Film Festival.

L’evento – completamente autofinanziato – non ha fini di lucro e il ricavato sarà devoluto all’Associazione SOS Sostenitori Ospedale Santobono.

 

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone