La scienza vincerà!

bit_-post

Con Bit versione scienziato apriamo questo spazio di divulgazione scientifica sull’emergenza sanitaria che stiamo vivendo in questi giorni.

Cercheremo di fare chiarezza affrontando sia i temi più semplici che quelli più complessi, vogliamo comprendere quali sono le giuste misure e i comportamenti che si devono adottare per fronteggiare il contagio e per delineare quali scenari futuri ci attendono.

In questo momento di crisi può capitare che la paura ci porti a credere a tutto e dimenticare che la scienza è l’unico strumento valido per   salvarci. Per una struttura come la nostra la cui missione principale è la divulgazione scientifica, è doveroso cercare di diffondere una comunicazione precisa ed autorevole.

Che cos’è un coronavirus?
Un coronavirus è una catena di materiale genetico (RNA) coperto da una membrana di proteine ​​che lo proteggono e da cui sporgono altre proteine ​​che lo aiutano a unirsi ed entrare nelle cellule umane.


Come infetta la cellula umana?
SARS-CoV-2 si lega alle cellule umane usando la proteina ACE2, situata sulla superficie esterna delle cellule, il virus inserisce la sua proteina S nell’ACE2 come una chiave di una porta. Una volta dentro, usa il macchinario cellulare per produrre tra le 10.000 e le 100.000 copie di se stesso, che iniziano a infettare nuove cellule.


Da dove è iniziato e perché?
Il 31 Dicembre 2019 le autorità cinesi hanno comunicato l’esistenza di 27 casi di polmonite di origine sconosciuta, sette dei quali gravi. Le persone colpite apparentemente erano collegate a un mercato nella città di Wuhan, una grande metropoli con più di 11 milioni di abitanti. Al momento non è noto quale animale, usato come cibo, abbia causato l’epidemia, si pensa a un pangolino o un pipistrello.


In che cosa differisce dagli altri virus?
Il coronavirus è più mortale e si diffonde più velocemente di altri virus simili, come quello che causa l’influenza stagionale. L’attuale coronavirus, denominato SARS-CoV-2, è in grado di entrare attraverso i canali delle cellule umane e di molti altri mammiferi, ma non topi o ratti, gli animali più utilizzati nella ricerca.


Covid-19 è un nuovo tipo di influenza?
È una malattia causata da SARS-CoV-2, un coronavirus, appartenente a una vasta famiglia di virus che colpisce l’uomo e varie specie di animali. Finora sono stati identificati sei virus che possono far ammalare una persona: quattro che causano il raffreddore comune, la SARS (che è emersa nel 2003 anche in Cina, con la quale questo coronavirus condivide oltre l’80% del genoma) e la MERS (comparsa nel in 2012, in Arabia Saudita).


Che possibilità ci sono di comparsa di nuovi virus simili o peggiori?
Uno studio della Brown University (USA) ha calcolato che tra il 1980 e il 2010 il numero di epidemie di malattie infettive si è moltiplicato per tre, un fatto che in parte può riflettere una crescita reale di questo tipo di virus. Nonostante i progressi scientifici e l’aumento dei controlli che paesi come la Cina hanno applicato al trasporto di animali per prevenire focolai come influenza aviaria, crescita della popolazione, migrazione o insorgenza di resistenza agli antibiotici, i rischi stanno aumentando.


È possibile una doppia infezione da virus influenzale e coronavirus?
Finora, non è stata dimostrata l’esistenza di una protezione da un virus a un altro, quindi, da quel poco che si sa, teoricamente una persona potrebbe essere infettata contemporaneamente dal virus dell’influenza e dal coronavirus. E, logicamente, quando c’è una doppia infezione, tutto diventa complicato. I due virus sono diversi ed entrambi hanno un coinvolgimento polmonare. Se i polmoni sono già danneggiati da uno di essi e sta arrivando un secondo virus che li danneggia ancora di più, diventa una importante complicazione aggiuntiva.


Perché si è diffuso così in fretta?
Una delle caratteristiche del Covid-19 è il suo alto potenziale riproduttivo, che ha facilitato la sua espansione in tutto il mondo. Il coronavirus ha un R0 (tasso di contagio) di 2,68 secondo la rivista scientifica ‘Lancet’, ovvero ogni persona infetta raggiunge 2,68 persone, un numero relativamente alto. Inoltre, sintomi come tosse e febbre compaiono quando la persona è stata infettata per diversi giorni e può quindi trasmettere il virus.


Può mutare e diventare più resistente o pericoloso?
Ogni volta che un virus infetta una nuova cellula, possono verificarsi mutazioni nella copia della sua sequenza genetica, composta da 30.000 unità – un genoma umano ne contiene 3.000 milioni. C’è il timore che in una delle milioni di volte in cui il virus si moltiplica, otterrà una mutazione che gli darà una nuova capacità, ad esempio una maggiore letalità. Ma questo non è ciò che accade di solito.


Cosa sono le zoonosi?
Sono malattie infettive trasmesse dagli animali all’uomo. Il 60% delle malattie infettive umane proviene da agenti patogeni condivisi con animali selvatici e domestici. Ogni anno questo tipo di malattia colpisce circa 1 miliardo di persone e causa 2,7 milioni di morti.


Per quanto tempo il virus sopravvive nell’ambiente dopo aver lasciato un organismo?
Secondo il “The New England Journal of Medicine”’ gli esperimenti dimostrano che, una volta depositato, il virus può essere rilevato fino a tre ore dopo l’aerosol, fino a quattro ore su una superficie di rame, fino a 24 ore su cartone e fino a due o tre giorni su plastica e acciaio.


Quali sono i sintomi più comuni del Covid-19?
I sintomi più comuni di Covid-19 sono febbre, stanchezza e tosse secca. Alcuni pazienti avvertono anche dolore, congestione nasale, naso che cola, mal di gola o diarrea.


Come si può prevenire il contagio?

  1. Bisogna lavarsi spesso le mani con un disinfettante per mani a base di alcool o acqua e sapone.
  2. Bisogna tossire o starnutire coprendo la bocca e il naso con il gomito flesso o con un fazzoletto.
  3. Bisogna evitare di toccarsi gli occhi, il naso e la bocca.
  4. Bisogna tenersi almeno a un metro di distanza con le altre persone, in particolare quelli che tossiscono, starnutiscono e hanno la febbre.
  5. Bisogna evitare le riunioni o gli assembramenti.

 

È possibile che si verifichi una seconda ondata di virus in un prossimo futuro?
Secondo uno studio dell’Imperial College di Londra, una seconda ondata di ottobre sarà praticamente inevitabile una volta revocate le misure di isolamento. I ricercatori avvertono anche che maggiori saranno le misure di allontanamento sociale, maggiore sarà l’impatto di questa seconda ondata, dal momento che ci saranno più persone che non sono state esposte al virus.


Il virus sopravviverà in estate con l’aumento delle temperature?
I coronavirus sopravvivono generalmente più a lungo all’aperto a basse temperature rispetto alle alte temperature. Oltre i 37 gradi, ogni 24 ore la concentrazione del virus su una superficie diventa 10 volte inferiore, spiega Isabel Sola, ricercatrice del CSIC. “Ma in condizioni meno estreme, a circa 22 gradi e con un’umidità del 40%, il virus può durare fino a tre giorni su alcune superfici”, aggiunge.


Esiste già un vaccino?
I vaccini più avanzati sono in fase di sviluppo in Cina e negli Stati Uniti. Entrambi i progetti sono in fase di sperimentazione clinica per poi eseguire test sull’uomo. Tuttavia, gli esperti dubitano che un vaccino praticabile sarà raggiunto prima del 2021.


Come funziona un vaccino?
Un vaccino consiste nell’introdurre nel corpo umano un agente che assomiglia al virus in modo che il nostro organismo generi anticorpi e sia in grado di difendersi da esso. Per il possibile vaccino contro il coronavirus, è possibile utilizzare due vie utilizzando le informazioni del virus SARS-CoV-2 stesso, agendo o su una sola proteina del virus o sull’intero virus.


Quando sarà pronto il vaccino?
Uno dei vaccini più avanzati si basa sull’introduzione di un RNA messaggero che produce la proteina S del virus, ma non il resto del patogeno. Ciò consente al sistema immunitario di identificarlo e ricordarlo, in modo che se un vero virus entra nel corpo, gli anticorpi si legano a quella proteina e iniziano il processo per distruggere il virus. Questo vaccino sviluppato dalla società americana Moderna in collaborazione con il National Institutes of Health (NIH) degli Stati Uniti inizierà i test su volontari sani ad aprile. Ma questa è solo la prima delle tre fasi dei test umani necessari per superarlo. Secondo l’NIH, nessun vaccino sarà pronto per l’uso entro un anno, quindi può essere utilizzato solo se l’agente patogeno riappare il prossimo inverno o se diventa una malattia stagionale, come l’influenza.


Quanto tempo ci vuole per incubare il virus?
La maggior parte delle stime scientifiche vanno da uno a 14 giorni e in genere sono circa cinque, secondo l’OMS. Ciò implica che le persone infette possono trasmettere il virus senza aver ancora mostrato sintomi di contagio.


Una persona già guarita può essere nuovamente infettata?
In genere, quando una persona viene infettata da un virus, si producono una serie di anticorpi e difese nel loro corpo che, in teoria, dovrebbero prevenire la re-infezione. Ma, quando si tratta di SARS-CoV-2, è solo un’ipotesi basata su ciò che è accaduto in altri casi con altri virus. La realtà è che non sarà possibile sapere con certezza fino a quando non saranno disponibili i dati epidemiologici delle persone che sono state infettate.


I soggetti allergici sono a maggior rischio di contrarre il coronavirus?
Esistono molti tipi di allergie. Qualsiasi allergia o ipersensibilità che inneschi un processo asmatico rappresenta un rischio aggiuntivo, perché comporta un’alterazione delle vie aeree e questo è un fattore di rischio per il coronavirus. Ma stiamo parlando di allergie che innescano un processo che rende difficile la respirazione. In relazione alle allergie alimentari, farmacologiche o cutanee, è logico pensare che non appartengano a un gruppo a rischio.


I fumatori sono soggetti più a rischio?
Sì, dalle informazioni che hanno già iniziato a essere pubblicate su persone che hanno sofferto di Covid-19 in Cina, è stato visto che tra i pazienti in cui la malattia è complicata c’è una più alta frequenza di fumatori.


Quando e come indossare una maschera?
Se sei sano, devi portarla solo se ti stai prendendo cura di qualcuno sospettato di avere un’infezione da coronavirus. Indossa una maschera anche se hai la tosse o starnutisci. Le mascherine sono efficaci solo se combinate con lavaggi frequenti delle mani. Prima di indossare una maschera, lavati le mani. Copri la bocca e il naso con la maschera e assicurati che non ci siano spazi tra il viso e la maschera. Evita di toccarla mentre la usi; se lo fai, lavati le mani. Cambia la tua maschera non appena è bagnata e non riutilizzare mai quelle monouso. Per rimuoverla, fallo da dietro (non toccare la parte anteriore); smaltirla immediatamente in un contenitore chiuso; e lavarsi le mani correttamente.

 


Fonti:
National Institutes of Health (NIH – USA)
Brown University (USA)
OMS
CSIC
The Wellcome Trust (UK)
El Pais (E)
The New England Journal of Medicine (USA)

IL CORONAVIRUS VISTO DAI BAMBINI

I bambini sono l’impulso di vivere e il più grande esempio di spensieratezza nella vita di tutti i giorni e mai come in questi giorni ne abbiamo bisogno!
La nostra risorsa più grande ed importante che esista al mondo, hanno la capacità di contagiarci con le loro ambizioni, la loro voglia di vivere, la loro allegria, il loro modo di adattarsi con facilità ai cambiamenti …
Grazie ai bambini della prima elementare B e D dell’Istituto Madonna Assunta per questi disegni…
Grazie a: Alberta, Antonia, Antonio, Arianna, Bruno, Marta, Mattia, Sara e Thomas (sez B)
e Alice, Chiara, Claudia, Ene, Francesco, Leon, Madison, Marcel; Mario; Marta Riccio Micol Satya e Seth (sez.D)

COLORA IL TUO BIT!

bit che combatte il coronavirus da colorare
Scarica il disegno da colorare
Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on LinkedInEmail this to someone