Centro Internazionale di Trasferimento Tecnologico (CTT)

centro internaz trasf tecnol

Il Centro Internazionale di trasferimento tecnologico (CTT) è l’area del BIC dedicata alla gestione e alla valorizzazione delle attività connesse al trasferimento tecnologico. Una vera e propria piattaforma di servizi specialistici ideati per supportare il trasferimento di tecnologia, la realizzazione di progetti comuni, lo sviluppo di nuove imprese e di nuove opportunità di business, gli investimenti tra l’Italia e gli altri Paesi e la valorizzazione di talenti e nuove figure professionali.

Il CTT nasce a supporto delle attività di internazionalizzazione dei sistemi ricerca-impresa lungo l’asse Italia – Cina, per accompagnare ricercatori, innovatori e imprenditori interessati a intraprendere attività di cooperazione con partner cinesi. Nel novembre 2013, il Ministry of Science and Technology of China (MOST), il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Italiano (MIUR), il Beijing Municipal Science & Technology Commission (BMSTC), l’Università di Bergamo, e il Network per la Valorizzazione della Ricerca Universitaria Italiana (Netval) hanno siglato un accordo quadro finalizzato alla costituzione del China – Italy Technology Transfer Center (CITTC). IL 27 ottobre 2016, nel corso della China – Italy Science, Innovation and Technology Week, l’accordo è stato rinnovato con la firma di Città della Scienza e l’Università degli studi di Napoli Federico II, che sono entrate cosi a far parte del CITTC.

Obiettivi del CTT

Nell’ottica di promuovere l’interazione tra organizzazioni italiane e cinesi, le sinergie economiche e le collaborazioni in ambito di ricerca scientifica e tecnologica, il CTTsi pone come obiettivi:

  • Sviluppare una piattaforma di servizi per i centri di ricerca, le università e le aziende di entrambi i paesi, a supporto delle attività di trasferimento tecnologico; progettazione congiunta; business matching; creazione e sviluppo di nuove aziende (spin-out, start-up, spin-off).
  • Rafforzare la reciproca capacità di presentare le opportunità, favorire gli investimenti e aiutare la localizzazione di imprese e centri di ricerca in entrambi i paesi.
  • Promuovere le capacità innovative delle aziende di entrambi i paesi e coltivare i talenti in ambito di innovazione tecnologica.
  • Costituire una piattaforma Italo-Cinese a supporto della valorizzazione e della gestione della proprietà intellettuale delle organizzazioni di entrambi i paesi.
  • Favorire la mobilità di ricercatori, studenti, professori e professionisti tra i due paesi per favorire percorsi di alta-formazione e crescita professionale.

Gli ambiti operativi

Il CTT s focalizzerà anche su altri assi di cooperazione internazionale interessanti per le attività di Città della Scienza. Con l’organizzazione del primo forum Iran-Italia, ad esempio, il CTT promuoverà servizi specialistici e di supporto per le istituzioni di entrambi i paesi che desiderino esplorare la possibilità progetti d’innovazione in ambito scientifico e tecnologico. Il CTT si pone quindi come facilitatore di matching, tra profili di offerta e richiesta provenienti da vari tipi di organizzazioni quali università, centri di ricerca, startup, PMI, istituzioni, governi, istituti di credito, banche, ecc.

I settori industriali

I settori industriali sui quali lavorerà il CTT sono quelli già individuati come strategici per le attività di CdS, che corrispondono a quelli indicati dal recente Piano Nazionale della Ricerca e dalle politiche europee Horizon2020: Aerospace, Agrifood, Blue growth. Clean Tech and Environment, Design and Creative Industries, Education and Training, Energy, Health and Life Sciences, Green Chemistry, Next Generation ICT, Smart Cities and Communities, Smart Industry, Sustainable Mobility and Transport, Innovation Management, Tourism and Cultural Heritage.

La piattaforma web Italy Match Making

Il canale di promozione e di offerta dei servizi del CTT è la piattaforma web Italy Match Making, attraverso la quale ogni utente avrà la possibilità di creare un proprio profilo, pubblicare progetti di cooperazione, partecipare agli eventi di business matching e ai forum di approfondimento, chiedendo un supporto specialistico per le attività di valorizzazione dei risultati della ricerca e dell’innovazione, scouting e promozione di nuove tecnologie, formazione e placement di nuovi talenti, sviluppo di nuove impresa.