Il Science Centre rinasce dov’era: un ringraziamento alle istituzioni

In merito al comunicato diramato dalle istituzioni locali sulla ricostruzione di Città della Scienza, il Prof. Silvestrini dichiara: “Colgo con piacere la decisione, preannunciatami delle istituzioni locali – Comune e Provincia di Napoli, e Regione Campania – di dare il via libera alla sostanziale ricostruzione del Science Centre di Città della Scienza nello stesso luogo dove si trovava prima dell’incendio. Di questo ringrazio l’Assessore Trombetti, il Sindaco De Magistris, il Presidente Caldoro e tutti quelli che si sono adoperati per una soluzione equilibrata e condivisa; una risposta forte alla criminalità che ha colpito un simbolo della Napoli positiva, una risposta  all’altezza della domanda così chiaramente espressa dalla collettività e dalla comunità scientifica mondiale.

Sono contento che sia prevalso il buon senso, poiché abbiamo sempre pensato e detto che la creazione della spiaggia attraverso il ripascimento e la bonifica dei fondali marini sia pianamente compatibile con la ricostruzione del Science Centre in loco e  possa procedere di pari passo con essa. Certo, rinunciare a circa 1.000 mq di superficie espositiva è un fatto che mi addolora, ma che simbolicamente accettiamo come tributo a un progetto condiviso.

Questi metri quadri verranno impiegati per rafforzare l’incubatore d’impresa e realizzati nel lotto 2  della Bagnoli Futura non appena ci verranno resi disponibili. Con questa scelta vogliamo contribuire a rafforzare una strategia per fare di Napoli e di Bagnoli un luogo per creare nuova impresa innovativa e nel contempo valorizzare l’enorme incomparabile bellezza dei luoghi. Sono certo che questa notizia farà piacere ai tanti che domani verranno a Città della Scienza per il concerto del 1° Maggio.

Per quanto riguarda il Science Centre di Città della Scienza, non appena l’area sotto sequestro verrà dissequestrata, partiranno i lavori di messa in sicurezza e di sgombero dalle macerie, grazie al Provveditorato alla Opere Pubbliche e al finanziamento stanziato dall’ex Ministro Passera. Da parte nostra siamo pronti a partire con la ricostruzione delle aree bruciate.

Voglio infine ribadire che aver messo artificiosamente in contrasto la cultura e la spiaggia è stato un errore, poiché la sfida che Napoli ha davanti la si può vincere soltanto puntando sulla sinergia, tra ambiente, cultura, produzione, lavoro. Di questi temi ne parleremo martedì 7 con il nuovo Ministro all’Istruzione e alla Ricerca Scientifica che verrà in visita a Città della Scienza.